Picchiata, frustata, umiliata in modo terribile dal marito, arrestato. Il motivo è veramente sconcertante

Ha picchiato e frustato la moglie perché era tornata troppo tardi a casa. Un egiziano di 32 anni è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di lesioni personali nei confronti della coniuge, una coetanea di nazionalità italiana. Il fatto è accaduto all’interno dell’appartamento della coppia che si trova nel quartiere degli Olmi, periferia ovest di Milano. Stando a quanto si apprende, i militari hanno trovato a casa un fascio di cavi elettrici che l’uomo utilizzava per frustare la moglie.

Le violenze sarebbero iniziate alcune settimane fa, ma l’ultimo, terribile episodio è accaduto solo ieri sera. A causa di un ritardo nel rientrare in casa la donna è stata aggredita, il marito le ha stretto le mani al collo rischiando di strangolarla e l’ha picchiata. La babysitter dei loro due bambini, una signora ucraina di 50 anni, ha cercato di fermare il marito e così la donna è riuscita a scappare in bagno. Da lì ha avvertito i carabinieri. La vittima è stata trasportata all’ospedale San Carlo di Milano da dove è stata dimessa con una prognosi di 25 giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *