Marco stava soltanto svolgendo il suo lavoro, poi il gravissimo incidente. Muore fulminato a soli 26 anni

Segui Newsitaliane.it

Non ce l’ha fatta Marco Camposilvan, operaio in un’azienda specializzata in impianti elettrici e illuminazione vittima di un drammatico incidente sul lavoro avvenuto ieri a Marano Vicentino, nella provincia di Vicenza. La vittima, un ventiseienne residente a Valli di Pasubio (Vicenza), per cause in corso di accertamento è rimasto fulminato nel pomeriggio di mercoledì dai fili dell’alta tensione mentre era al lavoro su una piattaforma aerea all’interno di una gru mobile. Il giovane operaio avrebbe inavvertitamente urtato i cavi dell’alta tensione, rimanendo folgorato. Le sue condizioni gravissime avevano portato alla richiesta dell’intervento dell’elisoccorso del Suem 118, i cui medici lo avevano stabilizzato sul posto e poi portato nel reparto grandi ustionati dell’ospedale Borgo Trento di Verona. Lì, nonostante gli sforzi dei medici, l’operaio vicentino è morto intorno alle 10 di questa mattina. Marco Camposilvan non avrebbe mai ripreso conoscenza dall’incidente.

La notizia del tragico incidente sul lavoro si è diffusa ben presto nella città del giovane operaio. Un commento dopo il dramma è arrivato da parte del deputato Erik Pretto, originario di Marano Vicentino, luogo dell’incidente. “Esprimo cordoglio e vicinanza alla famiglia del giovane operaio – ha dichiarato il parlamentare leghista -. Marco Camposilvan era un cittadino e un lavoratore modello, un giovane impegnato nella sua comunità. Come parlamentare del territorio, ribadisco che faremo tutto il possibile per aumentare il livello di sicurezza sui luoghi di lavoro, affinché tragedie come questa non si ripetano mai più”. Come riportano i quotidiani locali, Marco Camposilvan era un grande amante della montagna. Lascia la mamma Graziella e la sorella Linda. Verifiche in corso per individuare le cause del drammatico incidente e individuare eventuali responsabilità.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *