Perde naso e occhi a causa del cancro, costretto a lasciare un negozio: Spaventi i clienti

Un uomo americano si è trovato costretto ad allontanarsi da una stazione di servizio perché “il suo aspetto sembra spaventare i clienti”. La storia è quella di Kirby Evans, 65enne, ormai ex benzinaio del Forks Pit Stop di Walterboro, in South Carolina, che ha perso il naso ed un occhio a causa di una grave forma di cancro alla pelle e che, oltre a dover fare i conti con le drammatiche conseguenze del brutto male che lo ha colpito, si è visto negare l’ingresso al negozietto dove avrebbe voluto mangiare alcune ciambelle appena acquistate. Kirby ha raccontato quanto gli è successo ad Abc News 4 spiegando che il titolare gli ha chiesto di entrare nel suo ufficio non appena si è seduta ad uno dei tavoli. “Le parole uscite dalla sua bocca mi hanno ferito profondamente. Mi ha chiesto di coprirmi la faccia oppure di andarmene perché stavo spaventando altri clienti”. L’uomo ha aggiunto: “come può una persona mangiare qualcosa con la faccia coperta?”.

La figlia Brandy ha poi raccontato il triste episodio su Facebook sottolineando che “il proprietario lo ha afferrato per la camicia tirandolo nel suo ufficio e dicendogli che qualora avesse intenzione di mangiare nel negozio avrebbe dovuto coprirsi il viso”. Kirby a quel punto se n’è andato tornando a casa in lacrime e raccontando il triste episodio alla figlia: “mio padre è sopravvissuto al cancro e ha perso occhio e naso. Non è certo responsabile di quello che il cancro gli ha provocato”. Kirby peraltro non può permettersi un intervento chirurgico ricostruttivo e non può indossare una benda sull’occhio poichè la sua pelle è particolarmente sensibile, i medici gli hanno infatti sconsigliato di strofinare in alcun modo le zone nelle quali c’erano naso e occhio. “Non vedo assolutamente nulla di sbagliato in quello che ho fatto” ha detto Brandy. La ragazza ha aperto una pagina per la raccolta fondi che ha già raccolto 55.000mila dollari. Così il suo papà potrà finalmente operarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *