È stata trovata morta nella sua abitazione, in una pozza di sangue, una scena orribile. Ma c’è un altro dettaglio davvero inquietante

Tragico ritrovamento nella serata di giovedì a Ragusa. Una donna è stata rivenuta priva di vita e in una pozza di sangue all’interno della sua abitazione nel centro storico della città siciliana, in via Giambattista Odierna. A fare la macabra scoperta il nipote della vittima che era andato a trovarla e ha lanciato l’allarme. A prima vista tutto lascerebbe pensare che la signora, la 66enne Maria Zarba, sia stata vittima di una morte violenta. In questo senso  si stanno muovendo in queste ore gli inquirenti locali che ipotizzano un omicidio commesso con una certa violenza, come ha confermato il questore della città, Salvatore La Rosa. Le indagini sono affidate alla polizia che per prima è arrivata sul luogo del ritrovamento dopo che il personale di un’ambulanza del 118  ha constatato il decesso della donna.

Dopo l’allarme, sul posto infatti sono intervenuti gli uomini della squadra mobile della polizia seguiti poi dai reparti della scientifica per i rilievi del caso, dal medico legale per l’ispezione cadaverica e dal pubblico ministero di turno della procura di Ragusa. Al momento le notizie che trapelano sono poche e gli inquirenti mantengono il massimo riserbo sull’accaduto. Non si conoscono ancora le cause del decesso della donna che sarebbe stata trovata in una pozza di sangue e col cranio fracassato. Non si esclude possa essere stata vittima dell’ennesimo femminicidio. Dopo aver raccolto elementi e investigativi e dichiarazioni di testimoni, infatti, la polizia ha portato in Questura un uomo per interrogarlo. Personale della squadra mobile sta interrogando anche altri  familiari e conoscenti per ricostruire la personalità della vittima e le sue frequentazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *