Bimbo di due mesi abbandonato dalla madre in un cimitero: i residenti lo sentono piangere e lo salvano

Segui Newsitaliane.it

A soli due mesi, è stato abbandonato in un cimitero ed è stato incredibilmente salvato grazie ad alcuni residenti che ne hanno captato il pianto straziante. La vicenda è accaduta lo scorso 28 maggio a Quezon, nelle Filippine. Le cronache locali raccontano che il bambino, di soli due mesi, sarebbe stato abbandonato in un cimitero e si sarebbe salvato grazie al pianto. Piangendo, infatti, ha potuto attirare l’attenzione di alcuni residenti della zona che, allarmati, hanno fatto partire le ricerche e allertato le forze dell’ordine. I, bambino è stato raccolto ed è stato messo in un tuk tuk utilizzato per raggiungere l’ospedale più vicino.

Risulta che l’infante abbia trascorso parecchie ore da solo nel cimitero. Il bambino ora è stato preso in carico dalle autorità locali, che hanno inoltre provveduto a dargli un nome: Louis. Poche ore dopo la diffusione della notizia, la nonna Gloria Perez si è fatta avanti e ha dichiarato che la madre del piccolo sarebbe Lara Sentillas, arrestata in seguito dalla Polizia. “Un residente ha trovato il bimbo dopo aver seguito il rumore del pianto ed è tornato di corsa a casa per cercare aiuto e radunare un gruppo di persone per andare a recuperarlo”, ha raccontato un testimone. “Hanno detto che il bimbo è stato lasciato lì durante la notte e che sarebbe potuto essere molto peggio, se nessuno lo avesse sentito piangere la mattina”, racconta un altro testimone. “Ci sono molti cani randagi e roditori nel cimitero, se fosse rimasto ferito non ci sarebbe stato nessuno ad aiutarlo, è solo grazie alla grazia di Dio che ora è al sicuro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *