“Avrei potuto accidentalmente uccidere mia figlia” È tutto iniziato così. Poil ‘inferno

Segui Newsitaliane.it

Una donna di 31 anni ha deciso di raccontare al Mirror la sua drammatica battaglia con la depressione post-partum, rivelando di essere arrivata ad “implorare” le infermiere di lasciarla morire. Amy Steele ha dato alla luce sua figlia Maddie al Southmead Hospital di Bristol 18 mesi fa – un’esperienza che l’ha lasciata spaventata, disperata e sola. “Se non fosse stato per le ostetriche del Southmead, non sarei qui seduto a parlare, ora sarei morta”, ha detto a BristolLive. La donna, che lavora come grafico per Funky Pigeon, ha sofferto per anni di depressione e ansia. Ma dare alla luce sua figlia nel febbraio 2017 è stata la causa di quello che sarebbe diventato “uno dei periodi più orribili” della sua vita. Il giorno stesso in cui la Maddie è nata, Amy ammise che “non voleva più essere madre”. “Ero in uno stato costante di paura per il fatto che avrei potuto accidentalmente uccidere mia figlia facendo qualcosa di sbagliato. E non l’avrei sopportato” ammette. Senza professionisti della salute mentale disponibili durante il fine settimana, Amy è stata costretta a rimanere in ospedale per due giorni con le ostetriche ad occuparsi di lei. “Devo la mia vita a loro. Non sono specialiste della salute mentale, sono ostetriche, ma tutte loro mi hanno aiutato tanto. Ero preoccupata per la bambina e preoccupato per mio marito. A quel punto non mi importava niente di me stesso” ricorda.

Il tentativo di suicidio e le dimissioni

È stato allora che Amy ha deciso di togliersi la vita. Con suo marito in bagno e sua figlia addormentata, ha provato ha saltare giù dai piani alti del nosocomio. “Ero calma perché sapevo che di lì a poco sarebbe  tutto finito. Ma un’ostetrica ha capito tutto, mi ha affrontato e mi ha portato in un’altra stanza, dove ho iniziato a piangere e l’ho pregata di lasciarmi morire” racconta. A quel punto, Amy è stata trasferita all’ospedale di Nottingham, nel reparto dedicato alle donne con depressione postnatale. “Nulla avrebbe potuto prepararmi per quello che ho visto. Era come una prigione. Ero osservata continuamente per verificare che non mi uccidessi. Hanno cercato di costringermi a entrare in contatto con le altre mamme, ma non volevo parlare con nessuno così mi sono nascosto in quella stanza ore e ore”, spiega. La donna è rimasta in ospedale per una settimana intera. “Non riesco a ricordare quello che ho detto ma ha funzionato e lo psichiatra mi ha lasciato andare a casa a condizione che mi curassi, e che la squadra di crisi del South Gloucestershire mi visitasse ogni giorno”. Ma il ritorno a casa è stato anche peggio. “Mi ha fatto sentire fisicamente malata stare a casa mia, così sono andato a vivere con mia mamma e mio padre” dice. E così la situazione è pian piano migliorata: “I miei genitori erano assolutamente fantastici. Mi sentivo meglio nella mia casa d’infanzia, circondato dalla mia famiglia”.

Il ritorno al lavoro e l’idea brillante

Tuttavia, con il suo congedo di maternità che stava per volgere al termine dopo 2 mesi, Amy ha ricominciato a provare ansia per il ritorno al lavoro. Ma conoscendo già i sintomi, è riuscita a contrastarli. È tornata a lavoro nell’ottobre 2017. “Ero determinata a non usare la mia malattia come scusa, e non è andata così male come pensavo”, ricorda. Amy lavora in una società che crea cartoline personalizzate e dopo qualche settimana ha avuto un’idea. “Sono andata nell’ufficio del capo principale e gli ho detto che soffrivo di depressione postnatale. Era un po’ sorpreso, ma credo lo sapesse. Ho detto che volevo davvero creare una serie di cartoline dedicate alla malattia mentale, con una serie di aiuti e consigli sul retro. Il mio capo ha pensato che fosse un’idea favolosa e in quel momento la mia passione per la vita è stata di nuovo accesa” spiega. “Il mio unico obiettivo era quello di rompere la censura intorno ai problemi di salute mentale e dare alle persone l’opportunità di inviare a qualcuno un messaggio per far sapere loro che c’è sempre qualcuno che può aiutarle. So quanto sia difficile parlarne, ma è stata la cosa migliore che abbia mai fatto. Non ti vergogni se ti rompi una gamba – e deve essere lo stesso con la salute mentale” dice Amy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *