“Aggrediti da 50 migranti” Picchiati con calci e pugni due agenti. Ecco cosa è successo

Due agenti della polizia stradale in servizio presso il distaccamento di Cerignola sarebbero stati aggrediti “a calci e pugni da 50 gli extracomunitari” che risiedono nel Cara – Centro richiedenti asilo politico di Borgo Mezzanone nel Foggiano. La denuncia è del Sap, un sindacato di polizia.

L’aggressione è avvenuta venerdì 5 ottobre durante un sevizio anticaporalato: i poliziotti avrebbero intimato lo stop ad una vettura che procedeva a forte velocità. Il conducente della macchina anziché fermarsi ha tentato di investire di uno dei due agenti. Ne è nato un inseguimento terminato col fermo di un cittadino gambiano – Omar Jallow di 26 anni , con vari precedenti penali, tratto in arresto – nelle vicinanze del Cara. A quel punto sarebbero intervenuti gli altri migranti, che hanno accerchiato e poi aggredito i poliziotti.

Secondo quanto accertato, qualche giorno fa, “gli agenti erano impegnati in un preciso servizio istituzionale all’esterno della struttura di Borgo Mezzanone quando – riferisce il segretario provinciale Giuseppe Vigilante – sono stati oggetto di una vile aggressione messa in atto da più di una cinquantina di cittadini extracomunitari che li hanno accerchiati, colpendoli ripetutamente con calci, pugni e oggetti contundenti“.

Ai due poliziotti sono stati riscontrati seri danni giudicati guaribili in 30 e 15 giorni di prognosi (salvo complicazioni) e, sempre stando alla denuncia del Sap, solo l’arrivo di ulteriori rinforzi delle forze dell’ordine avrebbero scongiurato il peggio. “Sappiano tutti che i delinquenti e tutte le forme di delinquenza esistenti in questa provincia non intimidiranno i poliziotti oggetti della vile aggressione, e tutti i poliziotti della Capitanata. Non ci facciamo né ci faremo intimidire da questi violenti che sono contro ogni forma di legalità”, continua la nota.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *