“Non vorrei più parlarne” Non c’è pace per Cristian Imparato. E il motivo è questo

Segui Newsitaliane.it

Momento ‘benessere’ ma soprattutto momento ‘ritocco”. Ufficialmente a “Domenica Live” il parterre di ospiti è in studio per paralre di benessere, ma in realtà non si fa altro che parlare di trattamenti chirurgici, filler, botulino e ritocchini. Alla presenza di Rosa Perrotta, Cristian Imparato, Renato Balestra, Karina Cascella, Rodrigo Alves e Desirèe Maldera, si affronta l’argomento dei ritocchi e si finisce inevitabilmente a parlare dei possibili segreti di Cristian Imparato, che da bambino ricorderete come vincitore di “Io canto”.

Le parole di Cristian Imparato

Cristian Imparato è un ex bambino prodigio. Tramite “Io canto” ha raggiunto la popolarità molto presto e inevitabilmente ha pagato un po’ il prezzo della notorietà “in anticipo”. Otto anni dopo, infatti, si ritrova in uno studio televisivo a dover giustificare i suoi lineamenti:

Non ho effettuato nessun intervento, nessun trattamento chirurgico e nessun filler, non vorrei più parlarne. A me dispiace che si sia creata questa polemica.

Il battibecco in studio

Cristian Imparato si è “beccato” soprattutto con Desirèe Maldera, ma per altri motivi. La tentatrice e figlia del noto pugile è in studio perché vorrebbe farsi un ritocchino estetico durante la gravidanza (è al settimo mese). Per questo motivo, Cristian Imparato e Karina Cascella l’hanno profondamente condannata. Tornando alla questione “ritocco”, Cristian Imparato incassa le critiche di Rodrigo Alves, il Ken umano, che non crede a nessuna delle parole dell’ex bambino prodigio: “Ti sei rifatto le labbra e gli zigomi. Si vede. Meglio dirlo”. In studio c’è anche Renato Balestra per parlare di chirurgia estetica e anche lui ha voluto dire la sua su Cristian Imparato. Il noto stilista ha provato a difenderlo notando che le labbra erano grandi già da bambino: “Non so se Cristian sia rifatto o meno. Aveva le labbra grandi anche da piccolo, è carino”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *