Matteo Renzi: “Gli italiani si stancheranno di Lega e M5S e di sicuro torneremo noi, prima o poi”

Segui Newsitaliane.it

Il governo M5S-Lega? Secondo l’ex presidente del Consiglio, Matteo Renzi, durerà poco perché perderà presto gran parte dei consensi. Nel corso di un’intervista concessa a Maurizio Costanzo, che andrà in onda giovedì 4 ottobre su Canale 5, Renzi ha affermato: “Gli italiani si stancheranno in fretta di questi. Il reddito di cittadinanza sarà la fine del M5s. Anche se adesso sono forti nei sondaggi, di sicuro prima o poi noi torneremo”.

Proseguendo, il senatore del Partito Democratico ha evidenziato: “Oggi gli italiani hanno parlato in modo chiaro e hanno detto proviamo altri, cambiamo. Se vuole la mia opinione sul futuro io penso che gli italiani si stancheranno molto presto di questo governo. Se domani si andrà alle elezioni, e io non credo che si andrà alle elezioni, vedremo quale sarà lo schema di gioco”.

Parlando dei suoi trascorsi politici in qualità di presidente del Consiglio, Renzi ha inoltre sottolineato: “Prima ero accusato di essere il piacione, poi di essere quello che sta più antipatico. Preferisco stare antipatico e tenere i conti in ordine che fare il piacione come fanno quelli che ora stanno al governo e mandare a rischio l’economia del Paese”.

Infine, attaccando gli accoliti che l’hanno abbandonato dopo la disfatta referendaria, Renzi ha dichiarato: “Sai chi è che mi tradisce? Sai chi è che mi colpisce? Quelli che Andreotti chiamava i malati da sindrome del beneficiato rancoroso. Son quelli che hanno avuto tutto, gente che ha avuto ruoli di responsabilità che non avrebbe mai potuto immaginare di avere, che fino a che sei potente sono in prima fila a dirti ma come sei bravo, ma come sei intelligente ma come sei bello. Questi fino a che sei potente ti lusingano, ti coccolano, ti accudiscono, poi perdi il potere e iniziano a dire certo io avrei fatto in un altro modo. E mi verrebbe da dire, e perché non l’hai detto quando c’eri?”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *