Sui social arriva queste terribile commento per Nadia Toffa La reazione della conduttrice lascia di sasso

Segui Newsitaliane.it

Odiatori seriali e dove trovarli. Lo sa bene Nadia Toffa che si è trovata nella condizione di dovere replicare all’ennesimo hater recuperato sui social. Questa volta la Iena passa al contrattacco e riposta il tweet in questione, senza oscurarne il nome. Il commento recita: “Ma state tranquilli, tanto finirà presto all’obitorio”. Caustica la replica di Nadia, pensata allo scopo di rendere all’autore di quello scritto la medesima parte di grettezza: “È probabile, dato che ho un cancro”.

Laura Pausini la sostiene

Numerosi i tweet arrivati in risposta alla Toffa per sostenerla e condannare l’autore di quel primo, terribile commento. Tra gli altri, compare quello di Laura Pausini che invita la conduttrice e giornalista a non leggere certe cattiverie gratuite, e a concentrarsi invece sui tanti che le vogliono bene e che fin dall’inizio le si sono stretti intorno: “Nadia non leggere questa gente. Tu sei una donna forte e bellissima e noi ti amiamo e stimiamo tanto. Siamo tantissimi. Ciao bella”.

Rita Dalla Chiesa, che ha già vissuto la tragedia di Frizzi

Anche Rita Dalla Chiesa arriva a dare man forte a Nadia, consigliandole di evitare certi commenti: “Nadia lascia perdere, ti prego. Chi ci è passato ha capito. E ti è vicino. Il nostro dono sei tu che non ti arrendi”. Una manifestazione di sostegno assoluta, forse anche legata alla sensibilità sviluppata dalla Dalla Chiesa che ha vissuto di recente la tragedia di Fabrizio Frizzi, l’ex marito scomparso dopo una breve malattia. La conduttrice abbraccia Nadia e fa sapere di avere compreso quanto intendeva dire con la frase sul cancro sentito come un dono. È la Toffa a concludere la querelle, anche questa volta con una battuta di spirito che dimostra la sua serenità di fronte a un certo tipo di atteggiamenti: “Mi allunga la vita. Se pensava di liberarsi di me… Sta fresco”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *