Arriva un nuovo bollettino medico di Lele Spedicato dei “Negramaro”. Le prime parole dei medic

Segui Newsitaliane.it

La direzione sanitaria dell’ospedale Vito Fazzi, dove Lele Spedicato si trova ricoverato in seguito a un’emorragia cerebrale, ha diramato una nota attraverso la quale si fa sapere ai fan che le condizioni di salute del chitarrista dei Negramaro sarebbero in miglioramento. Lele, ricoverato in rianimazione a Lecce dopo un malore in piscina, starebbe reagendo alle cure: “Quadro clinico stabile ma in lento miglioramento”.

La prognosi resta riservata

Ciò nonostante, i medici che lo tengono in cura restano prudenti e fanno sapere che “la prognosi, vista la gravità del caso, resta comunque riservata”. All’interno dell’ultimo bollettino diramato dall’ospedale si legge che Spedicato “è stato sottoposto a diverse Tac il cui stato conferma l’evoluzione positiva del quadro clinico del paziente, che permane sostanzialmente stabile. Anche i parametri vitali, monitorati costantemente, continuano ad essere buoni”.

La band ringrazia i fan per il sostegno

Sono migliaia i fan, e non solo, che si sono stretti intorno ai Negramaro e alla famiglia di Lele dopo il malore e il conseguente ricovero del chitarrista. Proprio a quanti hanno manifestato loro il necessario supporto, la band si è rivolta nel messaggio di ringraziamento pubblicato sulla pagina Facebook ufficiale dei Negramaro: “Grazie a tutti per questo caloroso sostegno e questo grande affetto. Siamo certi che il nostro Lele lo stia raccogliendo tutto per tornare più forte. Serviranno ancora i vostri pensieri più positivi per i giorni che verranno. Non sarà un’attesa facile ma gli siamo tutti vicini. Saremo forti e pronti per il suo grande ritorno. #ForzaLele”. Quel post, pubblicato 20 ore fa, ha già fatto il giro della rete e incassato migliaia di like e condivisioni, a dimostrazione dell’enorme affetto che circonda la band, e in particolare Lele, in questo momento tanto delicato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *