Trema ancora la terra in Centro Italia Scossa di magnitudo 3.6

A due anni dai terremoti che hanno devastato l’area appenninica di Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo la terra trema ancora. Una scossa di magnitudo 3,6 è stata registrata poco prima della mezzanotte di ieri a Ussita, nelle Marche, in provincia di Macerata, in un borgo già distrutto dal sisma del 26 ottobre 2016 nel quale, di conseguenza, non sono stati individuati nuovi danni agli edifici, in larga parte da abbattere e ricostruire ex novo. Secondo l’Istituto nazionale di geologia e vulcanologia, l’evento si è verificato alle 23,57 di ieri a una profondità di 7,1 chilometri nel cuore del Parco dei Monti Sibillini, tra Norcia, Ascoli e Camerino. La scossa è stata distintamente avvertita dalla popolazione, quasi tutta residente all’interno delle Sae, le soluzioni abitative d’emergenza. Il terremoto è stato però avvertito anche in un raggio di una trentina di chilometri e le segnalazioni ai vigili del fuoco sono giunte dal maceratese, dall’ascolano e anche dal perugino, in particolare da Muccia, Sarnano, Ascoli, Preci, Norcia e Foligno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *