La difficile prova del cuoco di Elisa Isoardi, far dimenticare la Clerici e farsi perdonare Salvini

Segui Newsitaliane.it

Elisa Isoardi entra in studio in rosso e con una nuova sigla. Sono i primi minuti della nuova edizione de “La prova del cuoco”, quella della ex conduttrice di “Buono a sapersi“, la prima senza la sua storica conduttrice e ideatrice Antonella Clerici. Per la conduttrice una sfida ambiziosa, entusiasmante e difficile. Già, perché se da un lato sarà dura riuscire a far dimenticare ai telespettatori (e alle telespettatrici!) il carisma e lo stile di Antonella Clerici, dall’altro sarà dura farsi perdonare la storia con il controverso e chiacchierato Ministro degli Interni, Matteo Salvini (che intanto le ha inviato un “in bocca al lupo” via twitter).

La Prova del Cuoco di Elisa Isoardi

Fatta questa premessa, la prima puntata della nuova edizione del format mette subito in chiaro le cose: restyling di studio e di contenuti oltre a un refresh dei personaggi chiave. La prima novità della gestione di Elisa Isoardi è la presenza come spalla fissa di Andrea Lo Cicero, l’ex rugbista appassionato di cucina. C’è l’argomento del giorno, proprio come in “Buono a Sapersi”: si parte con il pomodoro e i suoi colori, le sue proprietà e quanto costa al mercato. Dobbiamo aspettare il duello degli chef a mezzogiorno per vedere parte della vecchia “Prova del cuoco”. C’è anche spazio per Caterina Balivo in una nuova rubrica, “L’insolita minestra”. La conduttrice, che oggi parte con “Vieni da me”, prepara una licurdia calabrese.

Le lacrime in diretta con sua madre

Nella fase centrale de “La Prova del Cuoco” arriva sua madre. Irrompe in studio a sorpresa e sono subito lacrime. Questo è stato uno dei momenti più “twittati” dell’intera trasmissione, ma sui social ci sono più critiche che complimenti. La sfida per la conduttrice di Cuneo, come detto in apertura, è duplice: superare lo scetticismo dettato da due pesi ingombranti, Antonella Clerici e Matteo Salvini.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *