Tragico lutto per Matteo Salvini. Il leader della Lega straziato dal dolore

Grave lutto per Matteo Salvini. Il ministro dell’interno è sconvolto dopo la morte improvvisa della giovane Silvia Cavalli, strappata da questa vita a soli 31 anni. La militante del Carroccio ha lottato come una leonessa contro una grave malattia ma, alla fine, non ce l’ha fatta. Una morte dolorosissima per la Lega e il suo leader che, una volta appresa la notizia non ha potuto fare a meno di dedicare alla ragazza un post su Facebook: “Buon viaggio SILVIA, donna forte e coraggiosa, hai combattuto come una Leonessa, da leghista, ma la malattia bastarda alla fine ha vinto. Anzi, no. Hai vinto TU, hanno vinto il tuo sorriso, la tua serenità e la tua forza che hai regalato a tutti fino all’ultimo respiro. Ma come facevi?!?!? Un abbraccio bresciana, continua a sorridere e aiutarci da Lassù, e sappi che manterrò la promessa che ti ho fatto: non mollerò, MAI”. Tantissimi i like, tantissime le condivisioni. Nonostante l’affetto dimostrato alla Cavalli, resta un grande vuoto. Specie per la sua famiglia.

La cittadini di Chiari si è risvegliata con una tragica notizia: nella nottata è morta Silvia Cavalli, classe 1987. Una ragazza sempre attiva e sorridente che ha lottato fino all’ultimo per sconfiggere una brutta malattia che, però, ha avuto la meglio su di lei. La Cavalli è stata anche consigliere comunale di Chiari quando come primo cittadino c’era Sandro Mazzatorta. Non solo: la giovane era una militante del Carroccio.

La Cavalli, infatti, in più di un’occasione è andata a Pontida in compagnia del ministro dell’Interno Matteo Salvini. Nonostante i tanti impegni, quando lei era malata, lui era andata a farle visita moltissime volte. La morte della ragazza, ovviamente, ha sconvolto l’intera comunità di Chiari che si è stretta intorno alla sua famiglia. La comunità intera si stinge intorno alla sua famiglia stimata per l’attività commerciale in città, ai parenti e a tutti agli amici.

Buon viaggio SILVIA, donna forte e coraggiosa, hai combattuto come una Leonessa, da leghista, ma la malattia bastarda alla fine ha vinto. Anzi, no. Hai vinto TU, hanno vinto il tuo sorriso, la tua serenità e la tua forza che hai regalato a tutti fino all’ultimo respiro. Ma come facevi?!?!? Un abbraccio bresciana, continua a sorridere e aiutarci da Lassù, e sappi che manterrò la promessa che ti ho fatto: non mollerò, MAI.

Gli esponenti della Lega locale hanno sempre stimato Silvia. Anche per loro, che hanno perso una persona che si è sempre prodigata, il dolore è enorme. E quel vuoto sarà davvero difficile da colmare. Ora, come riporta Bresciasettegiorni, si resta in attesa della data dei funerali per poterle dare l’ultimo saluto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *