Nasconde l’iPhone della sorella sul tetto di casa, poi scivola e cade: Danielle muore a 17 anni

Quello che inizialmente doveva essere uno scherzetto tra sorella si è trasformato in una dramma ad Holloway, a nord di Londra. Danielle Maragh voleva nascondere lo smartphone della sorella minore sul tetto di casa. Secondo le ricostruzioni, si sarebbe arrampicata sul lucernario dalla sua stanza in mansarda, finendo per perdere l’equilibrio e cadere a capofitto dal tetto della sua casa. La giovane è morta così, tre giorni il suo 17esimo compleanno.

Come si legge su Metro.co.uk, Danielle quella sera stava studiando per l’esame di teoria alla scuola guida nella camera che condivideva con la sorella Shauna, di 14 anni. Poi quella idea: una giocata sicuramente pericolosa. Racconta il papà Charles Maragh: “Era felice nella vita, faceva tante cose. Non ha mai perso un giorno a scuola. Era solo un’adolescente normale. Quel giorno era piuttosto eccitata perché stava per fare l’esame teorico di guida. Non aveva voluto nemmeno uscire con noi a pranzo perché voleva restare a casa per studiare. Penso che fossero le otto o le nove di sera, lei venne nella nostra stanza. Dopo poco ho sentito un tonfo. Ho visto la mia finestra fracassata, ho guardato fuori e l’ho vista sul pavimento”.

Lo stesso Charles ha fatto la sconvolgente scoperta. Danielle era priva di conoscenza, poteva solo percepire il suo respiro mettendole una mano davanti alla bocca. I paramedici sono stati chiamati alle 8.58 della sera, ma la 17enne è stata dichiarata morta sul posto alle 9.33. Il cellulare, un iPhone 7, sarebbe stato ritrovato solo qualche giorno dopo, proprio sul tetto di casa. Conclude la zia Deborah: “Mi sembra che tutte le prove puntino nella stessa direzione, ovvero che stava solo facendo uno scherzo a sua sorella. Scherzo che era orribilmente sbagliato”.

Il medico legale ha detto che l’autopsia ha rilevato che la causa medica della morte di Danielle è stata un “grave trauma cranico”. Il rapporto di un patologo ha stabilito: “C’erano segni di trauma devastante totalmente incompatibile con la vita. Tutti i risultati erano coerenti con una caduta da un’altezza significativa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *