In vacanza si sveglia nella notte per fumare una sigaretta, il fidanzato la trova morta in piscina

Si è svegliata presto ed è scesa a fumare una sigaretta. Il fidanzato, che stava dormendo, poco dopo l’ha trovata morta nella piscina dell’hotel dove la coppia soggiornava a Bali. È mistero sulla morte di Natalie Morris, 29enne inglese. La polizia sta indagando e il Foreign Office (il Ministero degli Esteri britannico) sta aiutando la famiglia della giovane a fare in modo che la salma arrivi il prima possibile a casa per il funerale. Un portavoce del Foreign and Commonwealth Office ha dichiarato: “Stiamo sostenendo la famiglia di Nathalie e siamo in contatto con le autorità indonesiane”Non si conoscono ancora le cause del decesso di Natalie per le quali si attendono gli esami dell’autopsia.

Quel che è certo è che la sua morte ha lasciato sconcertanti e addolorati tutti i suoi cari, a partire da Andrew Samuel, di 30 anni, il ragazzo che stava per sposare e col quale era in vacanza nell’hotel dove ha trovato la morte. “Non posso crederci ancora. Andrew stava per farle la proposta mentre erano a Bali” ha detto sua sorella Janine, 41 anni, ai media inglesi. Natalie era “una persona adorabile e vibrante, appassionata di viaggi. Voleva girare il mondo, aveva tantissimi amici e una grande voglia di vivere. Andrew le avrebbe chiesto di sposarla proprio in quei giorni” dice ancora la sorella.

Natalie, originaria di Merthyr Vale, nel Galles del Sud, era volata con Andrew per una vacanza di 10 giorni nell’isola indonesiana. “Lo avevano pianificato da mesi. Nella notte si è alzata per fumare una sigaretta o altro e Andrew si è svegliato qualche ora dopo e ha visto che non era a letto. L’ha trovato priva di vita nella piscina. Non posso credere che questo sia successo a qualcuno così pieno di vita” ripete ancora Janine. La 29enne stava pianificato di trasferirsi in Australia con Andrew l’anno prossimo. “Era una persona a cui piaceva viaggiare e vedere nuovi posti. Si era trasferita in Sudafrica per lavoro prima e ora pensare di andare in Australia” racconta la sorella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *