“Lo faccio agli uomini da 13 anni…” Ecco cosa permette di fare del suo corpo questa ragazza. Difficile che ci arriviate, è un orrore!

Segui Newsitaliane.it

Ventotto anni, professione fiorista e “cigno nero”. Così si definisce Blut Kätzchen, giovane originaria della Louisiana che ha un certo punto della sua vita ha capito che prova piacere quando la gente beve il suo sangue. L’espressione “cigno nero”, infatti, c’entra ben poco col film omonimo che, per quanto forte e oscuro, ha visto protagonista una straordinaria Natalie Portman, è più che altro relativa al linguaggio dei vampiri, appunto.

Blut ha deciso di raccontare apertamente questa sua perversione in un’intervista al Daily Star. Intervista che, lo capite da soli, ha sollevato non poche polemiche e, in un baleno, ha fatto il giro del mondo. Ma la ragazza ne ha parlato con la massima naturalezza, come se fosse una cosa normale appagare la “sete” di uomini e donne. Cosa che va avanti da oltre dieci anni, tra le altre cose. Tutto nasce quando, da bambina, si imbatté in un libro di vampiri. Quella lettura ha letteralmente cambiato la sua vita.

“Sono sempre stata affascinata dalla figura del vampiro – ha confidato Blut – Quando ero bambina trovai un libro nella collezione delle mie sorelle più grandi. Quella lettura mi mandò completamente in trance. Ci vuole un certo tipo di mentalità per godere nell’essere cigno. Devi imparare a sottometterti e a godere nel darti agli altri”. Magari senza quel libro non avrebbe sentito il richiamo del sangue, o magari sarebbe successo comunque. Fatto sta che tra i vampiri che Blut ha soddisfatto in 13 anni della sua vita, ce ne è uno che ha lasciato il segno. L’ha incontrato per la prima volta un paio di anni fa a Houston, Texas, si chiama Michael e ha 43 anni. Lui e Blut, da quell’incontro, sono diventati inseparabili.

Michael sostiene di nutrirsi dell’essenza vitale delle creature viventi. “Bisogna avere un forte legame con la persona che si nutre di se. E così il gioco è fatto – ha commentato la ragazza – Michael e io abbiamo un rapporto molto intimo e mi fido di lui completamente”. Ma come funziona questo “processo di nutrizione”? Blut assicura che è molto pulito, sicuro e, lo sottolinea, avviene consensualmente. “Ho degli strumenti specifici con cui Michael bere il sangue dal mio corpo – ha proseguito – I tagli sono solo di pochissimi centimetri”. Per tagliarsi la 28enne utilizza la lama di un rasoio e poi, per far sgorgare il sangue, usa un insieme di ventose: “Ho fatto questo per quasi tredici anni e non ho mai avuto una malattia del sangue”, ha concluso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *