Meningite, confermato secondo caso a Legnano: paziente affetto da meningococco C | Newsitaliane.it

Meningite, confermato secondo caso a Legnano: paziente affetto da meningococco C

Accertato altro caso di meningite in Italia e nello specifico a Legnano e si tratterebbe di un 50enne di Canegate, il quale è stato ricoverato nella giornata di domenica. Si tratterebbe di un caso da meningococco quello di meningite accertato all‘Ospedale di Legnano,e la conferma è arrivata nella giornata di ieri dall’Assessore alla Sanità della Regione Lombardia Giulio Gallera, il quale ha dichiarato che gli accertamenti clinici effettuati sul paziente ricoverato con evidenti segno di sepsi, sembra abbiano evidenziato la presenza di stafilococco nel sangue e di meningococco. “L’uomo è vigile e contattabile”, spiega l’assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera. Il paziente, come abbiamo anticipato, sembra essere giunto all’ospedale di Legnano nella giornata di domenica in condizioni piuttosto critiche. Avviata immediatamente la profilassi sia per il personale sanitario del reparto di emergenza che per i familiari e tutte le persone che sono state a stretto contatto con l’uomo. Nella giornata di domenica, l’analisi del liquido cerebrospinale al quale l’uomo era stato sottoposto aveva dato esito negativo ma poi prima di escludere la meningite sono stati effettuati altri necessari test il cui esito ha appunto confermato nella giornata di ieri, che si tratta invece di un’infezione da meningococco, la forma più pericolosa di meningite.

“Sono stati profilati 20 persone tra il pronto soccorso, l’ambulanza e il personale della Tac. Il sierotipo individuato è di tipo C. Il problema per il paziente è certamente la meningite ma, c’è una particolare attenzione per la sepsi in corso. Quindi l’uomo resterà in osservazione per 48 ore. Un nuovo aggiornamento è previsto per la mattinata di domani, martedì 10 gennaio“, ha dichiarato il dottor Paolo Viganò, ovvero il primario dell’Unità Operativa di Malattie Infettive. Sempre all’ospedale di Legnano lo scorso 6 gennaio era stato ricoverato un alto paziente affetto da meningite, e nello specifico si tratterebbe di un 49enne di Busto Garolfo, ancora ricoverato nel reparto di malattie infettive dell’Ospedale. Sembra che le sue condizioni di salute siano in netto miglioramento soprattutto negli ultimi giorni ed ancora dalle analisi sembra essere risultato affetto da una meningite da pneumococco per quale non è prevista alcuna profilassi.

“Il paziente ricoverato dal 6 gennaio all’ospedale di Legnano sta meglio ed è sottoposto a trattamento. Gli è stata diagnosticata immediatamente una meningite batterica da pneumococco per la quale non è prevista profilassi per parenti o persone che sono venuti in contatto con lui”, è questo quanto dichiarato nella giornata di ieri dall’Asst Ovest Milanese.Intanto in Piemonte è morto un altro giovane 25enne , il quale era stato ricoverato nei giorni scorsi alle Molinette di Torino. Il giovane era risultato affetto da meningite meningococcica.”Un caso in Piemonte nel mese di gennaio non può considerarsi un evento inatteso, non c’è da allarmarsi” ha ribadito Vittorio Demicheli, epidemiologo della direzione sanitaria della Regione Piemonte.

loading...
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.