Milano, 400 euro di rimborso a chi accoglie un profugo in casa: la Lega si oppone | Newsitaliane.it

Milano, 400 euro di rimborso a chi accoglie un profugo in casa: la Lega si oppone

Ospitare un migrante nella propria abitazione in cambio di 400 euro. E’ questa la decisione del Comune di Milano che ha predisposto in questi giorni un bando per creare un elenco di famiglie disponibili ad ospitare richiedenti e titolari di protezione internazionale offrendo 350 euro al mese, e nel caso in ci si decida di ospitare un profugo, la somma ammonta a 400 euro. Requisito essenziale per poter partecipare al bando è la residenza sul territorio comunale. “Il Comune di Milano aderisce dal 2001 al Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati finanziato con risorse messe a disposizione dal Ministero dell’Interno attraverso il Fondo Nazionale per le politiche e i servizi dell’asilo che consente la realizzazione di progetti di accoglienza di singoli e/o famiglie in centri collettivi o appartamenti e la messa a disposizione di una serie di servizi quali assistenza sanitaria e sociale, attività multiculturali, orientamento e informazione legale, inserimento lavorativo, supporto nella ricerca dell’alloggio, formazione linguistica e culturale”, questo quanto si legge nel bando dell’iniziativa.

Al via dunque alla selezione delle famiglie che vorranno e potranno mettersi a disposizione dei profughi ospitandoli nella propria abitazione per un periodo di tempo di almeno sei mesi. “Alle famiglie sarà riconosciuto un contributo economico massimo mensile di Euro 350,00/pro capite per le spese di vitto e alloggio dell’ospite (in caso di accoglienza di più di un ospite, qualora la situazione logistica lo consenta, il contributo complessivo non supererà comunque i 400,00 euro per famiglia)”, si legge ancora nel bando. L’amministrazione comunale dovrà comunque verificare l’esistenza di tutti i requisiti al fine di accogliere la manifestazione di interesse da parte delle famiglie interessate. Una volta selezionate le famiglie, queste dovranno partecipare ad un piano di formazione della durata di due giornate ed in cambio, come già anticipato il Comune offrirà un contributo di 300 euro pro capite per il vitto e l’alloggio di ogni ospite, che potrebbero diventare 400 per ogni famiglia.

Immediata la protesta di Matteo Salvini, il leader della Lega Nord il quale sul proprio profilo Facebook ha scritto: “Il Comune di Milano, giunta PD-Pisapia, pagherà 400 EURO al mese chi ospiterà un immigrato a casa sua. Roba da matti. Vergogna, questo è razzismo nei confronti degli italiani in difficoltà!”. Della stessa opinione anche Paolo Grimoldi, il segretario regionale del Carroccio e Davide Boni, il segretario cittadino i quali hanno aggiunto: “È incredibile che per il Comune la priorità per questo avvio del 2016 sia trovare nuovi alloggi per i clandestini. Questi soldi dovrebbero andare agli anziani in difficoltà con pensioni minime, ai disoccupati o ai genitori separati che finiscono a dormire in macchina e sono costretti a rivolgersi alla Caritas o alle mense, non ai clandestini”.  “La nostra scelta sull’accoglienza non cambia. Attraverso fondi statali vogliamo fare ancora di più il nostro dovere. La barbarie leghista non ci ferma“, ha dichiarato l’Assessore comunale alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino. 

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.