Maltrattamenti su anziani ospiti di una casa di riposo in provincia di Imperia: tre operatori arrestati | Newsitaliane.it

Maltrattamenti su anziani ospiti di una casa di riposo in provincia di Imperia: tre operatori arrestati

Ancora maltrattamenti nelle case di riposo italiane, ancora una volta poveri anziani indifesi presi di mira da coloro che avrebbero dovuto prendersi cura di loro. E’ accaduto questa volta ad Imperia dove la Guardia di Finanza di Imperia ha praticamente emesso tre ordinanze di custodia cautelare nei confronti di altrettanti operatori della struttura per anziani “Il Cicalotto”, con sede a Pornassio in provincia di Imperia appunto. Si tratterebbe di una residenza gestita dalla cooperativa Il Faggio di Savona. Finito agli arresti anche M. D.Consigliere comunale a Pornassio e dipendente della coop Il Faggio che gestisce la struttura Il Cicalotto, una struttura che ultimamente è stata interessata da un altro fatto di cronaca, ovvero pochi giorni fa un uomo di 55 anni è stato ritrovato morto per overdose all’interno di questa struttura dove si trovava in riabilitazione dagli stupefacenti. Le altre due persone arrestate sarebbero infermieri dell’est europeo. I militari nello specifico hanno eseguito tre misure cautelari, consistenti in due arresti domiciliari ed una sospensione dall’esercizio di pubblico ufficio, nei confronti degli operati della struttura residenziale in questione.

Secondo quanto è emerso dalle indagini portate avanti dalla Guardia di Finanza d’Imperia e condotte dalla Pm imperiese Antonella Politi, sembra che alcuni operatori abbiano insultato e maltrattato per diverso tempo gli anziani ospiti della struttura, lasciandoli spesso per terra per diverse ore quando cadevano o facendoli aspettare anche diverse ore per l’igiene personale.Dalle indagini, è inoltre emerso uno stato di abbandono nel quale gli anziani versavano purtroppo, comportamenti messi in atto dagli operatori della struttura. “Gli episodi di maltrattamento rappresentavano un aspetto particolare nella più generale situazione vessatoria a cui soggiacevano alcuni degli anziani ospiti della struttura”, si legge in un rapporto della Guardia di Finanza.

Comunichiamo che per due delle tre persone coinvolte avevamo già preso i dovuti provvedimenti sulla base di segnalazioni scritte.Preciso, inoltre, che in passato avevamo già licenziato alcune unità di personale su cui avevamo avuto delle segnalazioni riguardanti atteggiamenti verbali poco professionali ed altre persone per assenze ingiustificate. Porto ad esempio questi fatti, per evidenziare come l’attenzione ai comportamenti di chi opera nelle strutture sia una delle cose su cui poniamo molta attenzione”, ha dichiarato Pisano.Come abbiamo già anticipato, sembra che alcuni operatori finiti nel registro degli indagati fossero soliti imprecare e proferire affermazioni offensive nei confronti di alcuni pazienti; è questo quanto è emerso da mesi e mesi di indagini che hanno portato all’arresto di Massimo Deperi, 48enne infermiere e consigliere comunale, Vjollica Ferhati, 45enne OSS di origine albanese. “Abbiamo dato la massima disponibilità alla collaborazione con le forze dell’ordine. Fatti di questa gravità, da noi, non si sono mai verificati e francamente non avremmo mai immaginato di doverli affrontare”, ha aggiunto Pisano.

loading...
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.