Attenzione catena di Sant’Antonio delle mamme su Facebook, secondo la polizia postale è da evitare: ecco i pericoli

Attenzione alla nuova moda o meglio alla nuova sfida che negli ultimi giorni sta impazzando sul web ed indirizzata solo ed esclusivamente alle mamme. La sfida, una sorta di Catena di Sant’Antonio consiste nel taggare alcune amiche, parenti o conoscenti su Facebook purché siano mamme, invitandole a postare tre fotografie in compagnia dei propri figli.

“Sfida delle mamme. Sono stata nominata da @@@@@@ per postare 3 foto che mi rendano felice di essere mamma. Scelgo alcune donne che ritengo siano grandi madri. Se sei una madre che ho scelto copia questo testo inserisci le tue foto e scegli le grandi madri”, questo è il testo che di volta in volta viene copiato sui vari profili da coloro che accettano la sfida, in più vengono aggiunti i nomi delle donne che si intendono taggare.

Si tratta di un gioco si è vero, ma attenzione care mamme, perchè rendere pubbliche le foto dei vostri bambini potrebbe rivelarsi davvero pericoloso. E’ questo l’allarme lanciato dalla polizia postale negli ultimi giorni in seguito alla diffusione a macchia d’olio di questa nuova sfida. Gli agenti della polizia postale, hanno ritenuto opportuno lanciare l’allarme e nello specifico hanno diffuso un posto nel quale vengono spiegati i pericoli ai quali si potrà andare incontro partecipando alla sfida. «Mamme.Tornate in voi. Se i vostri figli sono la cosa più cara al mondo, non divulgate le loro foto in Internet. O quantomeno, abbiate un minimo di rispetto per il loro diritto di scegliere, quando saranno maggiorenni, quale parte della propria vita privata condividere.Se questo non vi basta, considerate che oltre la metà delle foto contenute nei siti pedopornografici provengono dalle foto condivise da voi», si legge ancora nel comunicato diffuso dalla polizia postale.

Nonostante si sia trattato di un avvertimento e di un modo per aprire gli occhi su alcuni aspetti “del gioco”, in tanti hanno commentato in modo negativo il post diffuso dalla polizia postale, tanto che i poliziotti hanno dovuto postare un secondo intervento nel quale appunto continuano a ribadire che dispiace che non sia stato capito il senso del post e che loro si limitano soltanto a dare consigli, e che poi ognuno è libero di comportarsi come vuole.

“La nostra casella messaggi è piena di richieste d’aiuto riguardo al furto di foto (….) Quello che a volte può sembrare un gioco ingenuo per alcuni si è trasformato in un vero e proprio incubo”, si legge ancora nel post della polizia postale.In seguito alla diffusione dell’ennesimo post, ecco che molte mamme si sono ricredute ed hanno cominciato a cancellare le foto dei loro figli, capendo il senso del post. Purtroppo i furti di fotografie al giorno d’oggi sono sempre più frequenti e non tutti hanno davvero delle buone intenzioni, quindi è consigliabile non pubblicare molte fotografie ed informazioni personali, a maggior ragione se si tratta dei vostri figli.

loading...
loading...

Comments

  1. la stupidità della gente non ha limiti, pubblicano sul PC di tutto, anche le cose più personali, che poi vanno in mano a chissà chi.
    Popolo ignorante, sul web mai nomi foto o altro che vi riguardi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.