Brescia, uomo trovato morto in un lago di sangue nella propria casa: a lanciare l’allarme una vicina | Newsitaliane.it
 

Brescia, uomo trovato morto in un lago di sangue nella propria casa: a lanciare l’allarme una vicina

Un uomo di soli 45 anni di nome Pier Angelo Bornati e residente nella zona ovest di Brescia e nello specifico nella via Mazzucchelli, è stato trovato privo di vita e in un lago di sangue all’interno del proprio appartamento, in seguito all’allarme lanciato proprio da una vicina di casa. L’uomo viveva in tale appartamento insieme alla moglie Olga Zaytseva di origini russe e il figlio della donna di nome Emil di appena diciotto anni. Marito e moglie gestivano insieme “La bottega della Gioia”, una enoteca vecchio stile ma da alcune settimane, secondo quanto trapelato dalle prime indiscrezioni, la donna aveva abbandonato la casa in cui viveva insieme al marito a causa di continui litigi. Litigi a causa dei quali, in alcuni casi, è stato anche necessario l’intervento della Polizia. 

Una vicina di casa di Pier Angelo Bornati, dopo aver sentito il continuo rumore dello scorrere dell’acqua lasciata aperta proprio nel piano sopra al suo, ha deciso di recarsi presso l’abitazione dell’uomo suonando diverse volte al campanello senza ricevere mai alcuna risposta.

A questo punto la donna ha lanciato l’allarme e, quando i vigili del fuoco hanno forzato la porta e hanno fatto il loro ingresso all’interno dell’appartamento si sono trovati davanti una scena che li ha letteralmente lasciati senza parole. Pier Angelo Bornati si trovava infatti nella propria camera da letto, in un lago di sangue e con una vistosa ferita alla testa motivo per il quale si è subito ipotizzato che l’uomo sia stato ucciso.

Al momento però non si escludono altre piste come la caduta accidentale o il suicidio. All’interno dell’appartamento è stata anche trovata della cocaina che, secondo quanto dichiarato dalla moglie, apparteneva proprio all’uomo. L’appartamento è stato posto sotto sequestro e, solamente l’autopsia, potrà rivelare alcuni dettagli in più sulla morte dell’uomo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.