Benzinai contro linee guida per riforma rete | Newsitaliane.it

Benzinai contro linee guida per riforma rete

A marzo forse sarà avviato uno sciopero dei benzinai contro la riforma delle stazioni di servizio della rete autostradale, preparata da Maurizio Lupo, ministro dei Trasporti, e Federica Guidi, ministro dello Sviluppo Economico. Un progetto che però, a detta delle organizzazioni sindacali dei benzinai, tiene vivi “antichi viziprivilegi e rendite degli ‘amici’”.

Da molto, infatti, concessionarie autostradali, compagnie petrolifere e benzinai discutono su come affrontare la crisi del settore, in quanto negli anni sono letteralmente crollati volumi e traffico, con decrementi che hanno causato una sofferenza che ha reso assolutamente privi di rendita alcuni punti vendita marginali, che per continuare ad andare avanti aumentano i prezzi dei carburanti. Quindi qui l’idea dei ministeri: chiudere le stazioni meno redditizie, con fatturati minori ai 750mila euro e erogazione inferiore ai 2 milioni di litri, e, in alternativa alla chiusura, il concessionario potrà proporre alternative più efficienti, come l’accorpamento di più aree. Viene inoltre prevista l’automazione sia per la distribuzione di carburanti che per il ristoro.

Ma i sindacati non sono d’accordo, secondo loro non c’è modo di contenere i livelli delle royalty, le somme versate dalle compagnie petrolifere alle concessionarie, che causano un incremento dei prezzi di listino del carburante e del cibo e che, nel periodo fra il 2002 e il due 2008 sono incrementato a 18 centesimi al litro in media. E, secondo l’Antitrust, il taglio delle royalty potrebbe portare ad una diminuzione dei prezzi presso le stazioni di servizio.

loading...
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.